Gen 30, 2012 - Senza categoria    No Comments

Libertas Argile – Persiceto 85 1 a 3

 Non diamo colpe all’arbirtro nonostante sia stato uno dei più scarsi visti quest’anno: la Libertas-Vigor ha steccato la prima partita dell’anno perché ha commesso gravi errori, in attacco e in difesa, pur giocando una discreta partita nel complesso. Nel primo tempo Bonzagni lancia Manservisi che defilato sulla sinistra tira a lato. Gli ospiti vanno in vantaggio con Maini (che segnerà una tripletta) lasciato troppo libero in area verdazzurra. Al 33° e 12 secondi Vospino potrebbe pareggiare, ma tira fuori; sul ribaltamento di fronte gli ospiti raddoppiano sfruttando un altro errore difensivo. Nella ripresa il copione cambia poco. L’arbitro continua a non azzeccarne una, inventandosi anche l’espulsione di Bramini reo, a parer suo, di averlo insultato (le telecamere di Sky scagioneranno il mister dimostrando dal labiale che avrebbe pronunciato “arbitro, son forse pazzo?” e non “arbitro testa di cazzo!”). Nel finale il signor Consoli di Bologna ci mette la ciliegina regalando un rigore al Persiceto. A tempo scaduto Fabbiani segna il gol della bandiera avventandosi come un condor su un cross di Valenti. Quando si trovano arbitri scarsi (e se ne trovano tanti in queste categorie dimenticate da dio, dove molti signori in giacchetta nera hanno ancora i denti da latte e vengono svezzati in campi di frontiera con noi altrettanto scarsi giocatori a fare da cavie) bisogna pensare ancor di più alla gara, senza perdere inutili energie mentali e concentrazione nelle proteste. Questo è il poco utile consiglio di chi pensa che dare il massimo in silenzio valga più che uno sterile blablabla col direttore, che per quanto “tristo”, vista la nostra “tristezza”, è anche troppo bravo. E adesso prepariamoci alla prossima battaglia.

class1R.jpg

Libertas Argile – Persiceto 85 1 a 3ultima modifica: 2012-01-30T12:24:54+01:00da skreta
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento